1970 – Numquid et unum

Dedicato a Franco Donatoni

Organico

Per flauto e clavicembalo.

Prima esecuzione

Siena, Accademia Chigiana, 28.8.1970
fl. K. Sumrow, pf. L. Ortis

Durata: 5’41’’

Edito da Suvini Zerboni

Altre esecuzioni

  • Guanajuato (Messico) 9 ottobre 1993, XXI Festival Internacional Cervantino.
  • Festival Antidogma Musica A.Semolini fl, R.Cognazzo pf.
  • Dresda 1 marzo 2004 Kammermusik Der Sachsischen Staatskapelle, esecutori Eckart Haupt e Jewgenij Feldamann.
  • Taormina 14 ottobre 2015 Giuseppe Sinopoli Festival, Sinopoli Chamber Orchestra in collaborazione con il Conservatorio musicale A. Corelli di Messina

numquid-et-unum-p-1

 

Audio MP3

CD

Giuseppe Sinopoli

Composizioni cameristiche 1970-1972

Prodotto da Firmamenta
registrato presso Studio Suono Ripetta
Roma 19-29 marzo – 2003
Flauto: Carlo Tamponi
Clavicembalo: Andrea Trovato

(all rights of the producer and of the owner of the recorded work reserved)

Note dell’autore

A proposito di “Numquid et Unum” (1970)

– La forma è momento organizzativo di elementi eterogeni
– nell’ambito di una indagine che si impone per scopo la
– evidenziazione di relazioni peraltro occulte
– onde i materiali usati vangano designati a
– mutamenti di apparenza dettati da una volontà d’azione come momento
rappresentativo di dinamiche arazionali agenti negli spazi dello
inconscio che pagano alla razionalità logicizzata il tributo del
loro manifestarsi nei dati di coscienza.

  • L’immanifesto nel momento fenomenologico diventa relazione.
  • L’ordine rimane ancora l’utopia dei sonnambuli.
  • L’unità-assoluto nobilita l’inerme malizia del puro.

– Suono e silenzio recitano la parte di elementi eterogeni
– l’ambito d’indagine tocca questa volta all’armonia weberiana
– le relazioni peraltro occulte rimangono segreto cerimoniale per i
ministri del turibolo e funamboliche ipotesi per chi ha relegato il
fatto compositivo ad una virginale impressione uditiva
– i materiali usati sono gli elementi eterogenei nell’ambito weberiano prescelto
– i mutamenti di apparenza sono stati affidati al metro al ritmo al timbro
– il resto trascritto e non decifrato ha ottenuto in concessione da non lungo tempo la parte privilegiata di desiderio.

15 ottobre 1970
Giuseppe Sinopoli